Accettazione tacita di successione, fondamentale per la vendita.

Non tutti sanno che, quando viene a mancare un caro parente proprietario di un bene immobile, oltre alla dichiarazione di successione è necessario fare anche un atto detto “accettazione tacita di successione”. In questi giorni mi sono capitate un a paio di trattative in cui i venditori avevano ricevuto il bene per successione. In entrambi i casi alla mia domanda se avessero fatto l’accettazione tacita la risposta è stata a dir poco imbarazzante. Sguardo sbalordito, risposte evasive ed in un caso, la poco “educata” affermazione che faceva così: “accettazione tacita? mah, ne ho fatte tante di successioni ma questa non l’ho mai sentita… Chiederò al mio notaio”. Bravo, come se chi ti stava parlano è un pirla che si è improvvisato agente la settimana scorsa e ti snocciola la prima stupidaggine che gli viene in mente. Va beh, sappiamo quanto la categoria è bistrattata ed accettiamo con il sorriso anche questa delicatezza. Così con il sorriso dico al mio Signor X: “lo contatti vedrà che la dichiarazione di successione che lei ha fatto è assolutamente corretta e giusta ai fini fiscali, mentre ai fini della prossima operazione di compravendita sarà necessario effettuare questo piccolo ma importante atto.” L’esperto signor X mi guarda ed acconsente ma sempre con quell’aria di chi fa finta di far contento il proprio interlocutore già sapendo che sta roba qui dev’essere l’ultima ca….ta sparata dal nostro impreparato agente immobiliare. Ora, non ha importanza stabilire quanto sia giusto l’atteggiamento a volte poco rispettoso dei clienti, quello che mi interessa far sapere è che mentre la dichiarazione di successione mette a posto l’aspetto fiscale relativo al bene immobile ricevuto per successione, non è però sufficiente ai fini della sua futura compravendita. Meglio però del sottoscritto saprà delucidare tutti voi lettori l’autorevole guida  tratta dal sito dei Notai.

Infatti come si evince dalla Guida Pratica tratta dal sito de Il notariato

“….l’eredità si acquista con l’accettazione. L’accettazione di eredità può essere espressa oppure tacita. L’accettazione espressa consiste nella dichiarazione in un atto scritto (atto pubblico o scrittura privata) di accettare l’eredità o di assumere il titolo di erede, compiuta dal chiamato all’eredità. L’accettazione tacita, la più ricorrente nella prassi, consiste nel compimento da parte del chiamato l’eredità di un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe potuto compiere se non in quanto erede. L’esempio più comune è la vendita di un bene ereditario: questo atto comporta l’accettazione tacita di eredità, in quanto presuppone necessariamente una volontà in tal senso.

Inoltre bisogna considerare che:

“È possibile trascrivere nei Registri Immobiliari sia l’accettazione espressa, sia l’accettazione tacita. In questo caso, in occasione dell’atto che la determina ad esempio una compravendita immobiliare redatta per atto pubblico o per scrittura privata autenticata.
È necessario rendere nota l’accettazione attraverso la trascrizione nei Registri Immobiliari per evitare acquisti da eredi solo apparenti. Si pensi al caso in cui i fratelli del defunto, deceduto senza lasciare genitori, coniuge e figli, si considerino in assoluta buona fede eredi, mentre il defunto stesso ha disposto – con un testamento che viene scoperto solo in un secondo tempo – esclusivamente a favore di una terza persona, che é quindi il vero erede. In tal caso, chi ha acquistato dall’erede apparente in realtà ha acquistato da un “non proprietario”, e rischia quindi di veder rivendicata la proprietà da parte dell’erede vero.”

Per maggiori dettagli sulle successioni scarica qui la: Guida alle Successioni – Notariato.it

10 commenti

      1. salve quali sono i costi? sempre che lei ne sia a conoscenza,,
        mia moglie e mia cognata, le quali alla morte del padre hanno ereditato un immobile
        hanno appena ricevuto questa richiesta documento in fase di vendita, oltre alle visure
        ipotecarie

        saluti

        "Mi piace"

      2. Buona sera,
        Generalmente le spese per l’atto di accettazione tacita che redige il Notaio variano tra i 350/500 Euro a seconda della “bontà” del soggetto rogante. Le visure ipotecarie di solito sono un costo che grava sulla parte acquirente visto che il notaio le fa in automatico per il compratore. Le spese per la pratica notarile sono a carico del venditore.
        Spero di esserle stato d’aiuto. Nel caso avesse qualche altra richiesta mi contatti pure. Trova molte altre informazioni anche sul sito del notariato: http://www.notariato.it

        "Mi piace"

  1. Buona sera,
    quindi una volta registrato questo atto di accettazione tacita redatto dal notaio e trascritto nei Registri Immobiliari, chi compra è al sicuro da qualsiasi rivendicazioni da parte di eventuali nuovi eredi?
    Questo atto e successiva trascrizione sono fondamentale importanza per la banca che deve erogare il muto?

    "Mi piace"

    1. l’accettazione tacita è fondamentale per la banca, non per il privato. La banca lo richiede per avere tutti i passaggi di proprietà “regolari” (con atto notarile) nel ventennio. La dichiarazione di successione invece è una dichiarazione che regola il rapporto “fiscale” con lo stato.

      "Mi piace"

      1. Per la continuità delle trascrizioni il notaio che riceve l’atto di vendita (che determina accettazione tacita) dovrà procedere a due trascrizioni??

        "Mi piace"

      2. Il notaio trascriverà l’accettazione tacita con cui i signori caio hanno ricevuto in eredità il bene. In virtù di tale titolo e della dichiarazione di successione il notaio vende a sempronio e trascrive l’atto di sempronio che ha comprato da caio. Maggiori dettagli li può trovare anche sul sito del notaritato: http://www.notariato.it

        "Mi piace"

  2. Salve,mi chiamo Claudio in questi giorni sto pensando di acquistare un piccolo immobile prima propietario mia zia celibe e senza figli, dopo la mancanza della stessa e dopo aver fatto la successione siamo diventati sei eredi compreso il sottosccritto,sfogliando i documenti della sucessione ci siamo accorti che all’interno era segnalati dei soldi di poco conto.Chiedo a lei se dovessi acquistare l’immobile diventerei propietario anche del denaro ?

    "Mi piace"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...