La crisi finanziaria a volte porta buone nuove…

Nel mezzo della crisi finanziaria e di tutte le pessime notizie che ci giungono dai mercati, finalmente possiamo annunciare qualcosa di buono. L’indice eurbor, il principale indicatore su cui si calcola la rata del mutuo a tasso variabile, è sceso, dopo mesi di costante crescita.  Anche l’irs, su cui si calcolano i futuri mutui a tasso fisso, è in netta contrazione dopo i sussulti dei mercati l’euribor 3 mesi è tornato a quota 1,53%, lo stesso valore di giugno 2011. L’euribor 1 mese, sempre più scelto da molte famiglie, è invece retrocesso a 1,34%.

Le ottime notizie vengono poi dall’irs, l’indice su cui viene calcolato il mutuo a tasso fisso (a cui bisogna, naturalmente, aggiungere lo spread applicato dalla banca).  Sui mutui a 30 anni è passato dal 3,83% di inizio luglio al 3,02% di qualche giorno fa, su quelli a 25 anni è sceso dal 3,86% al 3,08%. Il calo dell’irs permette chi vuole accendere in questo momento un mutuo a tasso fisso di ottenere un costo finale molto interessante a questo punto tutte le previsioni sui prossimi mesi sono da rivedere. con le tempeste finanziarie in corso la banca centrale europea potrebbe rivedere il proprio calendario di aumento dei tassi di interesse.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...