L’homo sapiens cerca casa…

Che il mercato immobiliare sia in fase molto critica e che la situazione sia tale che si possano trovare immobili a condizioni vantaggiose è un dato ormai noto a tutti. Anche il primo homo sapiens lo ha capito. Che la difficoltà di trovare potenziali compratori abbia portato ad un ridimensionamento dei prezzi e delle pretese economiche della maggior parte dei venditori è altrettanto assodato. Inutile nascondersi dietro un dito, oggi, chi può disporre di liquidità può trovare le condizioni ideali per acquistare a prezzo molto interessante e con ampia scelta. La regola è molto semplice e la capisce pure un bambino: domanda ed offerta. Quando l’offerta è molta e la richiesta scarseggia il prezzo diminuisce. Facile, semplice, chiaro. Per quanto sia evidente e chiaro questo meccanismo non è altrettanto scontato che ciò valga o sia applicabile a qualsiasi proposta immobiliare. Perché com’è vero che in mancanza di richiesta sia necessario abbassare il prezzo, in alcuni casi il prezzo proposto è ben al di sotto del valore reale anche tenuto conto dell’effetto crisi. Purtroppo l’homo sapiens quando si rende conto che ormai è diventato Sapiens Sapiens a volte pecca di eccessiva superbia. Capita, pertanto, che da Sapiens si trasformi spesso in “Super Sapiens Esperto”. Di tanto in tanto allora succede che, completamente coinvolto dall’euforica consapevolezza del “se il venditore vuole vendere deve accettare la legge del compratore…” non riesce più ad essere oggettivo nelle osservazioni anche quando il prezzo viene proposto a valori ben al di sotto del mercato corrente. A volte infatti, può succedere, come sta succedendo con un immobile che sto trattando in questi giorni che il prezzo sia veramente conveniente per tipologia, prezzo, posizione e necessità di realizzo del venditore. Tanto per essere molto chiari stiamo vendendo al di sotto del valore della rendita catastale che mediamente è pari al 50% del valore di mercato. Insomma, come se stessimo vendendo (per fare un paragone automobilistico) una Audi A4 al prezzo di una panda… La nostra auto però ha un problema: non ha le gomme. Ecco allora che l’uomo sapiente ed esperto osserva subito che mancano le gomme! Ed allora ecco che subito iniziano a prendere forma i grandi dubbi esistenzial-paranoici del tipo “come mai mancano le gomme?”, “ma quanto costerà cambiare le gomme?”, “e se poi non si trovassero più in commercio delle gomme simili?”, etc.
Lo stupido agente fa notare all’homo sapiens che in questo caso il costo delle gomme è irrisorio rispetto alla convenienza della proposta. Ma non c’è verso. L’homo sapiens insiste sulla mancanza delle gomme. Così a volte le persone sono talmente condizionate dal momento e dalla quotidiana filastrocca che (in parte verissima) tutto è trattabile, che i prezzi si abbassano, che la fregatura è dietro l’angolo, che… che.. che… che anche quando le proposte suono buone ed intelligenti non riescono a distinguerle per tali. Anzi si continua ad evidenziare l’aspetto negativo…
Ecco, questa piccola ma vera storiella, è per far sapere che nonostante tutto e tutti ci sono delle possibilità da cogliere in questo momento ed in questo mercato. A patto di rimuovere pregiudizi e preconcetti quando si esamina una proposta. Il mercato è cambiato, cambiate anche voi prospettiva. Scoprirete tante possibilità e non solo dei problemi. Scoprirete che i problemi sono un’opportunità per fare un miglior investimento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...