Immobiliare: il futuro è dei coraggiosi

Scommettere su una ripresa del mercato immobiliare è azione assai rischiosa e oggettivamente piuttosto folle. Ma si sa che spesso è proprio colui che impavido e un po’ incosciente si butta con entusiasmo alla ricerca del proprio sogno che poi riesce a realizzarlo. Certo ci vuole coraggio. Molto coraggio per decidere di fare il grande salto, di buttarsi in questo mare così agitato. Come quando seduti sugli scogli si osservano le onde che s’infrangono rumorose è difficile pensare che in profondità regnino la pace ed il silenzio. Eppure solo a pochi metri sotto il livello delle onde cambia tutto. Ecco, se si avesse il coraggio di tuffarsi nel blu si potrebbe assaporare la bellezza del paesaggio marino, il silenzio, i coralli, la vita che scorre serena nonostante le onde in superficie. Oggi il mercato è così: tutti fermi sugli scogli, paralizzati dal fruscio delle onde e dalla paura di tuffarsi. Purtroppo, come sempre, i coraggiosi sono i piccoli risparmiatori, le piccole imprese che combattono ogni giorno per sopravvivere a questa situazione. Sempre e solo loro. I coraggiosi però dovrebbero essere altri in questo momento: le banche, le istituzioni, le grandi imprese. Ci vuole coraggio a scommettere sul futuro, sulla ripresa, sulle persone. Ci vuole coraggio ad investire ora per riscuotere sul medio lungo periodo: 8 -10 anni. Tanto, purtroppo sarà il periodo per ritornare alla normalità: lavoro stabile e capacità di risparmio per le famiglie.
Certo il mondo è cambiato e le regole devono cambiare. Non si può più guardare al mercato con gli stessi occhi e comportamenti del passato. Il credito deve cambiare, il finanziamento anche. Ci vorrebbero anche in Italia istituti di credito ed aziende che abbiano il coraggio di investire sul mercato attivando mutui con la possibilità di restituire il capitale dopo almeno 10-15 anni e riscuotendo nel frattempo la sola quota interessi. Ad esempio questo tipo di contratto esiste in Inghilterra. Il cliente avrebbe una rata pressoché dimezzata rispetto a quella attuale per qualsiasi altro mutuo. Potrebbe così essere in grado di comprare e di poter risparmiare. Non solo, potrebbe fare la ristrutturazione della casa, cambiare la cucina, sistemare l’impianto elettrico o altro che in questo momento non può fare. L’istituto avrebbe maggiore sicurezza che la rata venga pagata, con i prezzi attuali si garantirebbe immobili ipotecati a valori decisamente interessanti anche in prospettiva 10 – 15ennale. Lo stesso acquirente con una prospettiva così lunga potrebbe contare con una rivalutazione del bene che lo garantirebbe della restituzione dell’intero capitale a scadenza in caso di rivendita dell’immobile. Idem per la banca.
Non è difficile da capire e neanche da fare. Forse ci vuole un po’ di coraggio di fare, invece le “forza economica del paese Italia” dimostra coraggio solo quando deve dire, parlare, analizzare, studiare,… insomma quando c’è da sparare cazzate sono tutti dei fenomeni. Nel fare un po’ meno.

 Buona giornata.

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...