Ristrutturazioni edilizie: guida alle detrazioni 36 e 50%

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate si può trovare il documento aggiornato con le novità in materia di ristrutturazioni edilizie.

Molte le novità ed i chiarimenti sulla detrazione 36%/50%.

L’Agenzia delle Entrate ha ripubblicato sul proprio sito la guida aggiornata in materia di agevolazioni fiscali su ristrutturazioni edilizie che contiene tutta una serie di interessanti precisazioni. La prima precisazione ricorda che, dal 1.01.2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza , in quanto tale agevolazione, introdotta fin dal 1998 e prorogata più volte, è stata resa permanente dal D.L. n. 201/2011 (art. 4) che ha previsto il suo inserimento tra gli oneri detraibili ai fini Irpef.

Negli ultimi anni la normativa che disciplina la materia è stata più volte modificata. Le più recenti elencate dalla guida dell’Agenzia sono: – D.L. n. 83/2012 , che ha elevato, per le spese effettuate dal 26.06.2012 al 30.06.2013, la misura della detrazione (50%, in luogo di quella ordinaria del 36%) e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio (96.000 euro per unità immobiliare, invece che 48.000 euro); – D. L. n. 63/2013 che ha esteso tali maggiori benefici alle spese effettuate entro il 31.12.2013.

Oltre alla proroga al 31.12.2013, il Decreto 63/2013 ha introdotto, per i contribuenti che usufruiscono della detrazione per ristrutturazioni edilizie, la possibilità di detrarre dall’Irpef, sempre nella misura del 50%, anche le spese sostenute per l’acquisto di mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione, che va calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro e deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Questa precisazione costituisce interpretazione dell’art. 16 del D.L. 63/2013 e conferma che tale detrazione può essere abbinata solo a ristrutturazioni e non a manutenzioni ordinarie dell’abitazione.

Tra le altre novità si segnalano:

a) l’abolizione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara;

b) la riduzione della percentuale (dal 10% al 4%) della ritenuta d’acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l’obbligo di operare;

c) l’eliminazione dell’obbligo di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori;

d) la facoltà riconosciuta al venditore, nel caso in cui l’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti i lavori sia ceduta prima che sia trascorso l’intero periodo di godimento della detrazione, di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’immobile;

e) l’estensione dell’agevolazione agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza. I contribuenti possono usufruire quindi delle seguenti detrazioni:

f) per il 2012, la misura è pari: a) al 36% delle somme spese (bonifici effettuati) fino al 25.06.2012, per un ammontare massimo di spesa di 48.000 euro/unità; b) al 50% delle spese sostenute dal 26.06.2012 al termine del periodo d’imposta, con un limite massimo di 96.000 euro/unità, tenendo conto delle spese effettuate fino al 25.06.2012. Per chi fino al 25.06 ha già sostenuto spese per 48.000 euro e che, per interventi sullo stesso immobile, ha speso altri 96.000 euro nel periodo dal 26.06 al 31.12.2012, può decidere di avvalersi del 50% delle spese sostenute dal 26.06 in poi, in luogo della detrazione del 36% delle spese effettuate fino al 25.06 (circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 13/E del 9.05.2013);

g) per il 2013, la detrazione è pari al 50% delle spese sostenute, con un limite massimo di spesa di 96.000 euro / unità e tenendo conto, in caso di mera prosecuzione, delle spese sostenute negli anni precedenti;

 h) dal 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di  48.000/unità.

Si veda anche, sempre sul sito dell’Agenzia delle Entrate:

Scarica qui la guida completa: Scarica

Guarda anche come si può fare una ristrutturazione con la moderna tecnologia: struttura in acciaio ed antisismica. Ecco un esempio di come trasformare un vecchio rudere in un moderno bed & Breakfast….

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per ulteriori informazioni

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...