Quando una piccola bugia ti rende più educato…

Oggi come, tutti i giorni, ho ricevuto circa un centinaio di mail più o meno interessanti e più o meno “lecite”. Da quello che ti propone un servizio telefonico a quello che ti “comunica” che la tua carta di credito è scaduta fino al cliente che chiede informazioni o al tipo che ti offre prestiti o viagra. Insomma di tutto e di più. Un sacco di mail e di contatti di cui oggettivamente si può fare tranquillamente a meno e di cui farei volentieri senza. Qualche volta effettivamente sono tante, troppe e un po’ ti disturbano. Soprattutto quando il servizio o l’offerta proposta non è qualcosa di cui siamo direttamente interessati o di cui non siamo abbastanza curiosi di saperne di più. Ora, è vero che cancellare tutte queste mail comporta una perdita di tempo, ma è altrettanto vero che di poco tempo si tratta. Se è vero che molte mail non sono richieste è altrettanto vero che ricevere una mail non ha alcun costo e si possono conoscere offerte interessanti. Pur capendo però che, molte persone sono molto oberate di lavoro, assolutamente assorbite dalle faccende domestiche, coinvolti nelle loro attività sportive, emotivamente coinvolte in rapporti amorosi, impegnati nell’azione di supporto sociale, desiderosi di farsi gran padellate di fatti propri…. faccio fatica a comprendere quando clienti alla ricerca di un prodotto specifico come ad esempio la casa, avendoti lasciato loro la richiesta e senza essere stati noi a contattarla, rispondono così: “Buongiorno, Penso di essere stata molto chiara in merito all’appartamento che cerco. Quindi non mi mandi pubblicità ma solo appartamenti che realmente combaciano con le mie richieste. Grazie”. Ecco, gentile signora, il suo indirizzo mail era stato lasciato da lei a fronte di una ricerca di bene immobile a fronte del quale le abbiamo mandato una mail con alcune proposte e con un riferimento al nostro sito dove vi sono altre offerte, che, forse e dico forse, potrebbero interessarle. Non so. Certo non l’abbiamo cercata noi, non le abbiamo estorto l’indirizzo mail e non le abbiamo proposto prodotti di biancheria intima visto che cercava casa… E seppur capendo che magari come me, ogni giorno riceve centinaia di mail ed offerte di cui farebbe tranquillamente a meno, sia almeno gentile con chi le propone qualcosa che ha affinità con la sua ricerca. Seppur capendo che in certi momenti della giornata si è stanchi e stressati, che il momento contingente della vita e dei mercati ci sottoponga a stress costante, che non sempre si ha la lucidità di capire chi ci propone qualcosa… almeno si dovrebbe avere rispetto per chi risponde alle tue richieste senza chiederti un centesimo, in una forma non invasiva e che in una frazione di secondo puoi tranquillamente cestinare. Non fa niente se noi ci abbiamo lavorato ore per l’impostazione grafica, abbiamo suonato campanelli e preso qualche vaffanculo per ottenere poi l’incarico di vendita/locazione, se abbiamo speso qualche euro per avere un programma di invio newsletter professionale e dove, guarda caso è pure prevista la funzione “disiscriviti”. Non fa niente se di noi e del nostro servizio non t’importa, noi cerchiamo di proporre la nostra attività commerciale con impegno pur sapendo, ovviamente, che non saremo simpatici a tutti.Certo un filo di educazione sarebbe gradita. Anche una piccola bugia come ad esempio: “grazie ma non cerco più”, oppure “ho trovato, non mandatemi altre mail” sarebbe più gradita ed educata. In una società dove conta più la forma della sostanza per una volta, forse tale principio ha una sua valenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...