Covid-19 – Fase 2, 3, 4… per gli agenti immobiliari non cambia niente! Sicuro.

Come sarà la fase 2 poi la 3 ed infine il prossimo futuro nessuno può dirlo, tutti possiamo immaginarlo. Bello, brutto, apocalittico chi lo sa… Saliranno i prezzi o crolleranno? Profonda crisi o nuovo rinascimento? Boh chi lo sa. Ho letto e sentito molti commenti, alcuni anche molto autorevoli e condivisibili. Tante considerazioni e proiezioni interessanti su cui riflettere e provare a tracciare il lavoro per i prossimi mesi ed anni. In questi due ultimi mesi ho visto il ripetersi delle scene e discorsi già visti e sentiti dal 2008 fino a qualche mese fa….

Cos’è cambiato durante questi ultimi dieci anni di crisi? Concretamente intendo. Niente. Assolutamente niente. Non sto parlando dell’aspetto “esteriore” e “tecnologico” della professione come l’home-staging, i virtual tour, le firme elettroniche, la posta certificata…. che sicuramente hanno introdotto ottimi sistemi commerciali utili per interagire meglio con la clientela ma che poco hanno a che fare con il cuore del sistema. Per cuore intendo la fiducia, la serietà, i processi decisionali, la sicurezza, le norme e le leggi che possono conquistare il consumatore, il cliente finale.

Come sarà o come non sarà sono in tanti a far previsioni e comunque vada c’è sempre un’attenuante se non c’azzecchi…. e poi in fondo, dire è facile. Fare un po’ meno. Perché per cambiare ci vuole coraggio, molto coraggio. Dote non di tutti ma solo di pochi ed arditi temerari. Perché per cambiare veramente qualcosa di importante (non il colore delle pareti del soggiorno….!) occorre fare scelte coraggiose, occorre rischiare. Ci vuole il famoso ritornello di una bella canzone di qualche tempo fa… “pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio, e occhi bendati…”

Ecco per pesare il cuore del mercato immobiliare e decidere di dargli nuova vita occorre chiudere gli occhi, dimenticarsi un attimo di quello che abbiamo sempre fatto ed immaginare qualcosa di nuovo di diverso.

Come già detto, ho letto e sentito pareri autorevoli, molti proclami ed incoraggiamenti auto-celebrativi come sempre. Ottimismo e servizi innovativi la fanno da padrone.

Tutto ciò non basta. Mi piacerebbe leggere che le varie associazioni di categoria Anama, Fiaip, Fimaa insieme ai maggiori network come Tecnocasa, Gabetti, Remax, (solo per citare i più noti) intendono sedersi ad un tavolo per riscrivere la legge 39/89 e per dar vita a protocolli condivisi per lo svolgimento corretto della professione. Qualche esempio?

  1. Per ogni immobile posto in vendita obbligo di incarico scritto ad un solo soggetto con facoltà di quest’ultimo di collaborare con altri colleghi.
  2. Ogni incarico scritto deve essere correlato di tutta la documentazione comprovante la regolarità: atto di provenienza, schede catastali, visura, concessione… accesso agli atti al comune e visura storico ventennale ed ipotecaria;
  3. Indicare nei cartelli e nelle inserzioni pubblicitarie l’indicazione dell’agente incaricato (agenzia – e relativo patentino) e la reale verifica della commerciabilità del bene proposto in vendita/locazione.
  4. Obbligo di indicare nelle varie pubblicazioni la richiesta provvigionale in caso di conclusione dell’affare,
  5. Obbligo di indicare se il mandato è di intermediazione o monomandatario.
  6. obbligo di indicare nelle pubblicazioni che la mediazione la può fare un agente iscritto e non altri professionisti anche se bravi o capaci come avvocati, geometri, commercialisti etc.

Molti altri ancora potrebbero essere i suggerimenti per cambiare veramente rotta, per fare in modo che la credibilità degli agenti e della categoria vengano fortemente rilanciati. Per fare in modo che il cliente non abbia più dubbi sulla nostra serietà, sui protocolli che certificano la bontà del prodotto posto in vendita.

Credo che il cliente abbia il diritto di sapere e l’agente l’obbligo di informare che un immobile è realmente vendibile quando viene proposto…. ed invece l’unica cosa certa (e non sempre) è la classe energetica…

Se ci fossero regole più chiare, sicure, trasparenti ci sarebbero maggiori vantaggi per tutti e soprattutto il cliente avrebbe la possibilità di comprare in maniera sicura ed affidabile, pagando volentieri il servizio offerto.

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...