Come si cambia se c’è sempre una scusa per non cambiare? cambierà il mercato, non gli agenti.

Scrissi in tempi non sospetti che il Covid-19 non avrebbe scatenato alcun cambiamento nel settore immobiliare (vedi articolo del 28/04/2020) nonostante proclami, preoccupazioni varie e webminar di ogni genere. Dissi che non sarebbe cambiato niente perché, come spesso accade, sull’onda emotiva siamo tutti colti da irrefrenabile entusiasmo e voglia di cambiamento, salvo poi dimenticarcene appena scema il fruscio delle onde.

E’ più facile fare proclami, progetti e chiacchiere piuttosto che attuarli concretamente. Un conto è dire, altro fare. Un conto è pensare, studiare o fare un corso… altro è trasformare i concetti in azioni concrete, vere. Fare telefonate, cambiare metodi operativi, decidere di affrontare di persona colleghi, clienti, collaboratori per stabilire nuove azioni pratiche… non è da tutti. Pochi hanno veramente la capacità di tenere la schiena dritta. Pochi hanno il midollo di fare e mantenere seriamente il proprio proposito perché c’è sempre una scusa per farlo domani, un’altra volta, più avanti… perché adesso non è il momento, perché ora ci sono altre priorità, perché forse… poi vediamo…

Alzi la mano chi non ha mai sentito frasi del genere e chi non le ha mai pronunciate? Purtroppo questo è il normale tran tran: quando le cose vanno bene non c’è motivo di cambiare e quando vanno male non è il momento di farlo. Invece è proprio quando la situazione è difficile e complicata che bisogna valutare, studiare, organizzare nuovi cambiamenti/aggiustamenti alla nostra routine quotidiana.

Non sempre cambiare vuol dire investire ingenti fortune finanziarie! A volte cambiare vuol dire ottimizzare le risorse finanziarie ed umane disponibili, cambiare i processi lavorativi e decisionali, migliorare i rapporti di vendita e post vendita con la clientela. Cambiare approccio al lavoro, al metodo operativo, alle regole interne ed esterne alle aziende a volte è solo frutto di studi ed analisi più accurate e allineate con nuove esigenze del mercato e della clientela. A volte serve solo farle le cose, non basta dirle.

Però il Covid-19 ha messo tutti in difficoltà… adesso non è il momento di cambiare, bisogna fatturare.

Purtroppo puntuale come un DPCM anche questa seconda ondata di Covid-19 non porterà a nessun cambiamento concreto perché per fare bisogna faticare, sudare, affrontare situazioni difficili e stare con la schiena dritta sempre! Però di fronte al fatturato…. c’è sempre una scusa buona per procrastinare ancora un po’, che poi, abbiam sempre fatto così… che fretta c’è?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...